In evidenza

Matera, 'Gli strumenti di A.D.R. nel diritto positivo e vivente'

MATERA - Il prossimo 12 Gennaio, alle ore 17.30, presso la libreria Di Giulio a Matera (Via Dante Alighieri 61) si terrà l’incontro “Gli ...

domenica 12 febbraio 2017

Convegno sui 40 anni di impegno quotidiano delle FPDS-FIDAS e dei donatori di sangue

di VITTORIO POLITO - Venerdì 17 febbraio alle ore 16, presso l’Aula Magna dell’Università “Aldo Moro”, Palazzo Ateneo – Bari – si svolgerà la manifestazione celebrativa del quarantennio della fondazione della FPDS-FIDAS (Associazione “Federazioni Pugliese Donatori Sangue” e Federazione Italiana Associazioni Donatori Sangue), “Un impegno quotidiano che dura da quarant’anni”.


Interverranno: Antonio Felice Uricchio, Rettore dell’Università di Bari; Michele Emiliano, Presidente Regione Puglia; Antonio Decaro, Sindaco di Bari e Area Metropolitana; Rosita Orlandi, Presidente FPDS-FIDAS; Francesco Pira, Sociologo e docente Università di Messina; Milena Iacobellis, psicologa e psicoterapeuta; Sergio De Benedictis, filatelista e collezionista; Domenico Montrone, canottiere olimpionico; Stefano Scarpa, ginnasta; Aldo Ozino Calligaris, Presidente Nazionale Fidas, che  concluderà la manifestazione.

Nell’ambito dell’evento sarà consegnata benemerenza a Giovanni De Michele per le sue 300 donazioni.

Nel corso della mattinata (ore 10-13), presso la palazzina “Goccia del latte” (Piazza Umberto), si terrà la mostra filatelica “La donazione del sangue attraverso i francobolli”, a cura di Sergio De Benedictis, con annullo filatelico speciale.

Il sangue, com’è noto, non si produce in laboratorio, quindi l’impossibilità di ottenerlo tramite procedimenti chimici e il suo larghissimo impiego, rendono il sangue un presidio terapeutico prezioso e non sempre disponibile.

La sicurezza delle trasfusioni e il raggiungimento dell’autosufficienza regionale e nazionale di sangue, è l’obiettivo del Servizio Sanitario Nazionale e il maggior impegno delle Associazioni e Federazioni dei donatori. La donazione da donatori volontari, periodici, responsabili, anonimi, e non retribuiti, quindi, è la migliore garanzia per la qualità e la sicurezza delle terapie trasfusionali.

Nessun commento:

Posta un commento